Modalità attuative della definizione (provv. Agenzia delle Entrate 15.3.2019 n. 62274)

Per effetto dell’art. 9 del DL 119/2018, è possibile fruire di una sanatoria delle violazioni formali commesse sino al 24.10.2018, versando 200,00 euro per periodo d’imposta in due rate (scadenti il 31.5.2019 e il 2.3.2020), a prescindere dal numero delle violazioni commesse.
Sono suscettibili di definizione gli errori formali che non hanno inciso sulla base imponibile delle imposte sui redditi, dell’IVA e dell’IRAP o sul pagamento del tributo.
L’Agenzia delle Entrate, con il provv. 15.3.2019 n. 62274/2019, ha dettato le modalità attuative dell’istituto, e, con la ris. 21.3.2019 n. 37, ha istituito il codice tributo “PF99”, per effettuare i relativi versamenti.
Violazioni oggetto di sanatoria
Varie violazioni commesse dai contribuenti possono rientrare nella definizione in oggetto; per disposizione legislativa, sono espressamente escluse quelle inerenti alla compilazione del quadro RW, in tema di monitoraggio fiscale delle attività e degli investimenti esteri.
Anche le violazioni inerenti alla procedura di voluntary disclosure sono escluse.
Invece, possono rientrare le violazioni inerenti a obblighi comunicativi, commesse non solo propriamente dai contribuenti, ma pure dai sostituti d’imposta e dagli intermediari, o da soggetti terzi.
A titolo esemplificativo, potrebbe trattarsi delle violazioni inerenti alla tardiva od omessa trasmissione telematica delle dichiarazioni, ove, in aggiunta alle consuete sanzioni da dichiarazione infedele oppure omessa, vengono sanzionati altresì gli intermediari (art. 7-bis del DLgs. 241/97).
Può inoltre trattarsi dei vari obblighi comunicativi previsti dalla legge fiscale, tra cui rientrano. ad esempio:
– lo spesometro (negli anni in cui era in vigore l’art. 21 del DL 78/2010);
– le comunicazioni dei dati delle fatture e delle liquidazioni periodiche (art. 21-bis del DL 78/2010);
– l’indicazione separata in dichiarazione delle minusvalenze e dei costi black list.
Invece, secondo il provvedimento non fanno parte della definizione le violazioni di obblighi formali inerenti a comparti impositivi diversi dalle imposte sui redditi, dall’IVA e dall’IRAP.
Anche le sanzioni che, ad esempio per effetto di rinvio normativo, sono proporzionalmente legate all’imposta possono rientrarVI: può trattarsi a nostro avviso dell’omessa regolarizzazione del cessionario ai sensi dell’art. 6 co. 8 del DLgs. 471/97, la cui sanzione è pari al 100% dell’imposta.
Uguali considerazioni vanno fatte per le sanzioni concernenti l’omessa inversione contabile, sia interna che esterna (art. 6 co. 9-bis e ss. del DLgs. 471/97).
Modalità di regolarizzazione
La definizione non si perfeziona solo con il pagamento dei 200,00 euro per periodo d’imposta, essendo anche necessaria la rimozione della violazione, che si concretizza, per citare i casi più frequenti, nella presentazione della dichiarazione integrativa o nell’effettuazione della comunicazione.
La regolarizzazione deve avvenire entro il termine di pagamento della seconda rata, cioè entro il 2.3.2020.
Quando la rimozione non è materialmente possibile o “non è necessaria”, la regolarizzazione postula il solo pagamento degli importi. Tra i potenziali esempi, il provvedimento richiama le violazioni sull’irregolare inversione contabile.
Se, “per giustificato motivo”, la regolarizzazione non è avvenuta, la definizione ha effetto se la rimozione viene poi effettuata entro un termine indicato dall’Ufficio, non inferiore a trenta giorni.  (Fonte:EUTEKNE)

Fiscale – Definizione dei rapporti d’imposta – Condoni e sanatorie – Condoni e sanatorie ex DL 119/2018 – Definizione degli errori formali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi