Compensi incassati dopo la cessazione dell’attività – Eredi del professionista – Emissione della fattura (ris. Agenzia delle Entrate 11.3.2019 n. 34)

Nella ris. Agenzia delle Entrate 11.3.2019 n. 34 sono stati forniti chiarimenti con riguardo agli obblighi IVA degli eredi di un professionista deceduto, qualora alla data del decesso sussistano:
– fatture con IVA a esigibilità differita di cui all’art. 6 co. 5 del DPR 633/72 emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione e non ancora riscosse;
– prestazioni professionali ultimate, ma non ancora fatturate, in quanto non è intervenuta la liberatoria da parte del committente per considerare l’operazione conclusa e, pertanto, fatturabile.
Quadro normativo di riferimento
L’art. 35-bis del DPR 633/72 rubricato “Eredi del contribuente” prevede che:
– gli obblighi IVA derivanti dalle operazioni effettuate dal soggetto passivo deceduto possono essere adempiuti dagli eredi, ancorché i relativi termini siano scaduti non oltre quattro mesi prima della data della morte del contribuente, entro i sei mesi da tale data;
resta ferma la disciplina stabilita dal DPR 633/72 per le operazioni effettuate, anche ai fini della liquidazione dell’azienda, dagli eredi dell’imprenditore.
Cessazione dell’attività professionale

Con riguardo alla cessazione dell’attività professionale, la prassi amministrativa ha chiarito che:
– “l’attività del professionista non si può considerare cessata fino all’esaurimento di tutte le operazioni, ulteriori rispetto all’interruzione delle prestazioni professionali, dirette alla definizione dei rapporti giuridici pendenti, ed, in particolare, di quelli aventi ad oggetto crediti strettamente connessi alla fase di svolgimento dell’attività professionale” (cfr. circ. Agenzia delle Entrate 16.2.2007 n. 11);
– “la cessazione dell’attività per il professionista non coincide, pertanto, con il momento in cui egli si astiene dal porre in essere le prestazioni professionali, bensì con quello, successivo, in cui chiude i rapporti professionali, fatturando tutte le prestazioni svolte e dismettendo i beni strumentali” (cfr. ris. Agenzia delle Entrate 20.8.2009 n. 232).
Analogamente, Cass. SS.UU. 21.4.2016 n. 8059 ha sancito, fra l’altro, che:
– “il compenso di prestazione professionale è imponibile ai fini IVA, anche se percepito successivamente alla cessazione dell’attività, nel cui ambito la prestazione è stata effettuata, ed alla relativa formalizzazione“;
– “con il conseguimento del compenso, coincide non l’evento generatore del tributo, bensì, per esigenze di semplificazione funzionali alla riscossione, solo la sua condizione di esigibilità ed estremo limite temporale per l’adempimento dell’obbligo di fatturazione“.
Applicabilità agli eredi del professionista
Nella risoluzione in esame è stato precisato che i richiamati principi enunciati dalla giurisprudenza e le indicazioni fornite dalla prassi amministrativa si applicano anche agli eredi del professionista. Di conseguenza:
– in presenza di fatture da incassare o di prestazioni da fatturare, per gli eredi non è possibile estinguere la partita IVA del professionista defunto sino all’incasso dell’ultima parcella;
– è ammissibile, dunque, una deroga al disposto dell’art. 35-bis del DPR 633/72 in base al quale gli eredi devono chiudere la partita IVA del soggetto passivo deceduto entro sei mesi dalla sua morte;
– da una lettura sistematica dell’art. 35-bis del DPR 633/72, risulta applicabile anche al professionista quanto previsto dal co. 2 di tale disposizione, secondo cui resta ferma la disciplina stabilita dal DPR 633/72 per le operazioni effettuate, anche ai fini della liquidazione dell’azienda, dagli eredi dell’imprenditore.
Gli eredi possono comunque anticipare la fatturazione delle prestazioni rese dal professionista defunto e chiudere la sua partita IVA avendo cura di computare nell’ultima dichiarazione annuale IVA anche le operazioni con imposta a esigibilità differita per le quali non si è verificata l’esigibilità (art. 35 co. 4 del DPR 633/72).  (Fonte:EUTEKNE)

Fiscale – Imposte indirette – IVA – Obblighi dei contribuenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi